1.2 La storia della sociologia

 

Sin dai tempi antichi, le persone sono stati affascinati dal rapporto tra gli individui e le società a cui appartengono. Molti dei problemi che sono al centro moderno di borse di studio sociologico sono stati studiati dai filosofi antichi. Molti di questi pensatori precedenti sono stati motivati ​​dal desiderio di descrivere una società ideale. Nel XIII secolo, Ma Tuan-Lin, uno storico cinese, la prima a riconoscere le dinamiche sociali come un componente fondamentale dello sviluppo storico nella sua enciclopedia seminale, Indagine generale dei resti letterari. Il prossimo secolo ha visto l’emergere dello storico che alcuni considerano prima sociologo del mondo Ibn Khaldun (1332-1406) della Tunisia. Ha scritto su molti argomenti di interesse oggi, ponendo le basi per la moderna sociologia ed economia, tra cui una teoria del conflitto sociale, un confronto di stile di vita nomade e sedentaria, una descrizione di uno studio dell’economia politica e della coesione sociale che collega una tribù con la sua capacità di potenza (Hannoum 2003). Nel XVIII secolo, i filosofi del secolo dei lumi sviluppati principi generali che potrebbero essere utilizzati per spiegare la vita sociale. Pensatori come John Locke, Voltaire, Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. una descrizione di un’economia politica studio e la coesione sociale che collega una tribù con la sua capacità di potenza (Hannoum 2003). Nel XVIII secolo, i filosofi del secolo dei lumi sviluppati principi generali che potrebbero essere utilizzati per spiegare la vita sociale. Pensatori come John Locke, Voltaire, Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. una descrizione di un’economia politica studio e la coesione sociale che collega una tribù con la sua capacità di potenza (Hannoum 2003). Nel XVIII secolo, i filosofi del secolo dei lumi sviluppati principi generali che potrebbero essere utilizzati per spiegare la vita sociale. Pensatori come John Locke, Voltaire, Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. filosofi del secolo dei Lumi sviluppati principi generali che potrebbero essere utilizzati per spiegare la vita sociale. Pensatori come John Locke, Voltaire, Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. filosofi del secolo dei Lumi sviluppati principi generali che potrebbero essere utilizzati per spiegare la vita sociale. Pensatori come John Locke, Voltaire, Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro. Immanuel Kant e Thomas Hobbes risposto a quella che consideravano la scrittura su temi sociali che speravano porterebbe a mali riforma sociale. Nei primi anni del XIX secolo hanno visto drammatici cambiamenti con la rivoluzione industriale, una maggiore mobilità e nuovi tipi di occupazione. E ‘stato anche un momento di grande fermento sociale e politico con l’emergere di imperi esposti a molte persone per la prima volta, le società e le culture diverse dalla loro.

Il padre della sociologia

Il termine sociologia è stato coniato nel 1780 dal saggista francese Emmanuel Joseph Sieyès (1748-1836) in un manoscritto inedito (Faure et al., 1999). Nel 1838, il termine è stato re-inventato da Auguste Comte (1798-1857). Comte originariamente studiato per essere un ingegnere, ma in seguito divenne un allievo del filosofo sociale, Henri de Saint-Simon conte di Saint-Simon (1760-1825). Entrambi pensavano che la società potrebbe essere studiata con gli stessi metodi scientifici utilizzati nelle scienze naturali. Comte ha creduto nelle potenzialità di scienziati sociali a lavorare per il miglioramento della società. Ha detto che una volta che i ricercatori identificano le leggi che governano la società, i sociologi potrebbero affrontare problemi come la scarsa istruzione e la povertà (Abercrombie et al., 2000). Comte ha chiamato lo studio scientifico del positivismo di modelli sociali. Ha descritto la sua filosofia in una serie intitolata Il Corso di filosofia positiva (1830-1842) e una vista generale del positivismo (1848) i libri. Egli credeva che l’uso di metodi scientifici per rivelare le leggi con cui le società e gli individui interagiscono segnano l’inizio di una nuova era “positivista” della storia. Mentre il campo e la terminologia sono cresciute, i sociologi credono ancora nel l’impatto positivo del loro lavoro. Egli credeva che l’uso di metodi scientifici per rivelare le leggi con cui le società e gli individui interagiscono segnano l’inizio di una nuova era “positivista” della storia. Mentre il campo e la terminologia sono cresciute, i sociologi credono ancora nel l’impatto positivo del loro lavoro. Egli credeva che l’uso di metodi scientifici per rivelare le leggi con cui le società e gli individui interagiscono segnano l’inizio di una nuova “

Karl Marx

Karl Marx (1818-1883) è stato un filosofo ed economista tedesco. Nel 1848 e Friedrich Engels (1820-1895) sono stati i co-autori del Manifesto Comunista. Questo libro è uno dei manoscritti politici più influenti 14 / 1.7 della storia. Presenta anche la teoria della società Marx, che differiva da quello proposto da Comte. Marx ha respinto il positivismo di Comte. Egli credeva che le società sono cresciuti e cambiati a seguito delle lotte di diverse classi sociali dei mezzi di produzione. Con il tempo stava sviluppando le sue teorie, la rivoluzione industriale e la nascita del capitalismo ha portato a grandi disparità di ricchezza tra i proprietari delle fabbriche e lavoratori. Il capitalismo, un sistema economico caratterizzato da proprietà privata o aziendale dei beni e dei mezzi per la loro produzione, è cresciuto in molte nazioni.finirà ribellarsi. Questo porterebbe al crollo del capitalismo, che sarebbe sostituito dal comunismo. Il comunismo è un sistema economico in base al quale non privata o di proprietà aziendale: tutto ciò che è di proprietà comunitariamente e distribuito in base alle esigenze. Marx riteneva che il comunismo era un sistema più equo del capitalismo. Mentre le loro previsioni economiche potrebbero non sono state soddisfatte nel lasso di tempo previsto idea di Marx che il conflitto sociale porta ad un cambiamento nella società rimane una delle principali teorie utilizzate nella sociologia moderna. Marx ha previsto che le disuguaglianze del capitalismo diventerebbero così estrema che i lavoratori alla fine dei ribelli. Questo porterebbe al crollo del capitalismo, che sarebbe sostituito dal comunismo. Il comunismo è un sistema economico in base al quale la proprietà privata o aziendale: tutto è di proprietà comunitariamente e distribuito in base alle esigenze. Marx riteneva che il comunismo era un sistema più equo del capitalismo. Mentre le loro previsioni economiche potrebbero non sono state soddisfatte nel lasso di tempo previsto idea di Marx che il conflitto sociale porta ad un cambiamento nella società rimane una delle principali teorie utilizzate nella sociologia moderna. Marx ha previsto che le disuguaglianze del capitalismo diventerebbero così estrema che i lavoratori alla fine dei ribelli. Questo porterebbe al crollo del capitalismo, che sarebbe sostituito dal comunismo. Il comunismo è un sistema economico in base al quale non privata o di proprietà aziendale: tutto ciò che è di proprietà comunitariamente e distribuito in base alle esigenze. Marx riteneva che il comunismo era un sistema più equo del capitalismo. Mentre le loro previsioni economiche potrebbero non sono state soddisfatte nel lasso di tempo previsto Marx’ s idea che il conflitto sociale porta ad un cambiamento nella società rimane una delle principali teorie utilizzate nella sociologia moderna. Il comunismo è un sistema economico in base al quale non privata o di proprietà aziendale: tutto ciò che è di proprietà comunitariamente e distribuito in base alle esigenze. Marx riteneva che il comunismo era un sistema più equo del capitalismo. Mentre le loro previsioni economiche potrebbero non sono state soddisfatte nel lasso di tempo previsto idea di Marx che il conflitto sociale porta ad un cambiamento nella società rimane una delle principali teorie utilizzate nella sociologia moderna. Il comunismo è un sistema economico in base al quale non privata o di proprietà aziendale: tutto ciò che è di proprietà comunitariamente e distribuito in base alle esigenze. Marx riteneva che il comunismo era un sistema più equo del capitalismo. Mentre le loro previsioni economiche potrebbero non sono state soddisfatte nel lasso di tempo previsto Marx’

Creazione di una disciplina

Nel 1873, il filosofo inglese Herbert Spencer (1820-1903) ha pubblicato lo studio di Sociologia, il primo libro con il termine “sociologia” nel titolo. Spencer ha respinto gran parte della filosofia di Comte e la teoria della lotta di classe di Marx e di sostegno per il comunismo. Invece, ha favorito una forma di governo che avrebbe permesso alle forze di mercato di controllare il capitalismo. La sua opera ha influenzato molti sociologi antichi, tra cui Emile Durkheim (1858-1917). Durkheim contribuito a stabilire la sociologia come disciplina accademica formale, stabilendo il primo reparto europeo di sociologia presso l’Università di Bordeaux nel 1895, pubblicando le sue regole del metodo sociologico nel 1895. In un altro importante lavoro, divisione del lavoro nella società (1893), Durkheim ha spiegato la sua teoria di come le società sono stati trasformati da uno stato primitivo ad una società industriale capitalistica. Secondo Durkheim, le persone salgono al loro livello adeguato nella società in base al merito. Durkheim credeva thatsociologists potevano studiare “fatti sociali” oggettivi (Poggi 2000). Credeva anche che, attraverso tali studi sarebbe possibile determinare se una società fosse “sano” o “patologico”.

Vide società sane come stabile, mentre le società patologiche sperimentato una rottura norme sociali tra gli individui e la società. Nel 1897, Durkheim ha cercato di dimostrare l’efficacia delle sue regole di ricerca sociale quando ha pubblicato un lavoro dal titolo suicidio. Durkheim ha esaminato le statistiche di suicidio in diversi distretti di polizia per indagare le differenze tra le comunità cattoliche e protestanti. Egli ha attribuito le differenze alle forze socio-religiosa piuttosto che le cause individuali o psicologiche. Il sociologo Max Weber di primo piano (1864-1920) ha istituito un Dipartimento di Sociologia in Germania Ludwig Maximilians University of Monaco di Baviera nel 1919. Weber ha scritto su molti argomenti relativi alla sociologia, tra cui il cambiamento politico in Russia e le forze sociali che influenzano la fabbricalavoratori. Egli è meglio conosciuto per il suo libro 1904, L’etica protestante e lo spirito del capitalismo. La teoria di Weber che stabilisce in questo libro rimane controverso. Alcuni credono che Weber sosteneva che le credenze di molti protestanti, calvinisti soprattutto, ha portato alla creazione del capitalismo. Altri interpretano semplicemente come dire che le ideologie del capitalismo e il protestantesimo sono complementari. Weber ha anche dato un importante contributo alla metodologia del contributo della ricerca sociologica. Insieme ad altri ricercatori come Wilhelm Dilthey (1833-1911) e Heinrich Rickert (1863-1936), Weber pensava che fosse difficile, se non impossibile, utilizzare metodi scientifici standard per prevedere con precisione il comportamento di gruppi come la gente si aspettava. Essi hanno sostenuto che l’influenza della cultura sul comportamento umano dovrebbe essere presa in considerazione.

Questo anche applicato gli stessi ricercatori, i quali, a loro avviso, dovrebbero essere consapevoli di come i propri pregiudizi culturali potrebbero influenzare le loro ricerche. Per far fronte a questo problema, Weber e Dilthey introdotto il concetto di verstehen, una parola tedesca che significa comprendere in modo profondo. Quando si cerca verstehen, osservatori esterni di un mondo-un’intera cultura sociale o un ambiente di piccole cercano di capire dal punto di vista di un addetto ai lavori. Nel suo libro The Nature of Social Action (1922), Weber ha descritto la sociologia come un tentativo di “interpretare il significato dell’azione sociale e dare una spiegazione causale di come l’azione prosegue e gli effetti che produce in tal modo.” Lui e altri scienziati sociali vicini proposto una filosofia antipositivism in base al quale gli scienziati sociali sarebbero lotta per la soggettività come hanno lavorato per rappresentare le norme culturali, sociali e valori sociali. Questo approccio ha portato ad alcuni metodi di ricerca il cui scopo era non generalizzare o prevedere (scienza tradizionale), ma ottenere sistematicamente una profonda comprensione di mondi sociali. I diversi approcci di ricerca sulla base del positivismo o antipositivism spesso considerati alla base delle differenze oggi tra la sociologia quantitativa e qualitativa della sociologia. sociologia quantitativa utilizza metodi statistici, tra cui le indagini con un gran numero di partecipanti. I ricercatori hanno analizzato i dati utilizzando tecniche statistiche per vedere se riescono a scoprire i modelli di comportamento umano.

Il contenuto libro di testo è sotto una licenza Creative Commons Attribution 4.0 License internazionale. Scarica gratuitamente presso http://cnx.org/content/col11407/latest/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s